Blog GDP Italia

Benvenuti nel blog di GDP Italia, il collegamento diretto con i nostri clienti. Qui saranno pubblicati tutte le novità riguardandi la nostra azienda ed i nostra prodotti.

Newsletter

Per essere subito aggiornato via e-mail sui prodotti, servizi ed offerte di Gdp Italia

Comunicazione dati iva per operazioni superiori a 3.000 € >>

PDF Stampa E-mail
News
Mercoledì 15 Giugno 2011 11:06

Comunicazione dati iva per operazioni superiori ai 3.000 €

L’articolo 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni nella legge 30 luglio 2010, n. 122, ha introdotto l'obbligo di comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini dell’IVA, di importo non inferiore a 3.000 euro.

 

Per i dati riguardanti l’anno fiscale 2010 l’obbligo riguarda le operazioni con importo pari o superiore ai 25.000 € e la comunicazione è da effettuarsi entro il 31/10/2010.


Per l’anno fiscale 2011 la comunicazione riguarda le operazioni con importo pari o superiore si 3.000 € e la comunicazione è da effettuarsi entro il 30/04/2012.

 

Per maggiori informazioni consigliamo di consultare il sito internet dell’agenzia delle entrate http://www.agenziaentrate.gov.it/ e di leggere attentamente questa circolare sul sito del dipartimento delle finanze , oltre a contattare il vostro consulente.

 

Per quanto riguarda la parte gestionale il problema più grosso è che le operazioni IVA da comunicare devono essere necessariamente suddivise in Cessione/Acquisto di beni e Prestazioni/Acquisto di servizi. Non essendoci stata, in passato, questa suddivisione è necessario indicare , almeno per  le operazioni da comunicare , la suddivisione tra queste due tipologie ( per le operazioni 2010 maggiori o uguali a 25.000 € e , dal 2011 in poi, per le operazioni maggiori o uguali a 3.000 €). Ricordiamo che vanno comunicate anche le operazioni legate a contratti ( ad esempio un contratto d’affitto ) singolarmente inferiori alla soglia indicata ma la cui somma nell’anno solare risulti superiore alla soglia.

 

Non è necessario comunicare le operazioni verso paesi che appartengono alla Black-List , in quanto queste vengono già inviate con l’apposita comunicazione.

 

Su Eureka la modifica riguarda il Tipo Iva ( che oggi può assumere i valori %, A o I ) al quale verrà aggiunto un carattere B ( Beni )  o S ( Servizi ) . Come esempio, per emettere una fattura di servizi al 20% si dovrà usare i tipo iva %S e il codice iva ( invariato ) 20.

 

1


Se da un fornitore si acquistano prevalentemente servizi soggetti ad iva, basta mettere %S sul tipo iva dell’anagrafico fornitore.


2
Per  la fatturazione, indicando sul’ anagrafico dell’ articolo il tipo iva %S , avremo automaticamente in fattura e nella registrazione contabile la corretta tipologia.


3
Nella gestione ditte, per una ditta che vende prevalentemente  beni e acquista prevalentemente servizi, la configurazione corretta ( da impostare su servizio – gestione ditte ) è la seguente:


4
Raccomandiamo di controllare le prossime notizie sul blog per rinamere aggiornati sull'argomento.
 

Help

Maggiori informazioni sui i nostri prodotti e servizi.

Modulo assistenza >>

Tel.   +39 0424 514008
Fax   +39 0424 510550

commerciale@gdpitalia.com

Links Utili

Professionale barcode

www.meteorbarcode.it >>

Collaboratori

MDZ
Creazione Siti Internet
Grafica

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare sul sito accetti l'utilizzo dei cookie. Per ulteriori dettagli clicca qui: privacy policy.